Volontari di protezione civile, focus dei Consulenti del lavoro

In una circolare della Fondazione Studi le regole applicabili ai casi concreti per la fruizione dei permessi da parte dei lavoratori

I lavoratori operanti nelle organizzazioni della protezione civile in qualità di volontari possono chiedere al proprio datore di lavoro (pubblico e privato) di assentarsi dal lavoro per l’espletamento delle attività di soccorso e di assistenza in occasione di calamità naturali o catastrofi nonché per le attività di addestramento e simulazione, pianificate dall’Agenzia Nazionale per la Protezione civile o dalle altre strutture operative istituzionali di protezione civile (DPR 194/2001).

Lo scrive la Fondazione Studi del Consiglio nazionale dei Consulenti del Lavoro nella Circolare n.12, all'interno della quale vengono esaminati diritti e doveri dei volontari impegnati in attività di Protezione Civile e di Soccorso Alpino.

Inoltre, i lavoratori appartenenti ad organizzazione di volontariato hanno diritto - compatibilmente con le esigenze organizzative aziendali - di fruire di un regime di orario di lavoro concordato nell’ambito di una distribuzione flessibile degli orari (art. 17 L. 266/91).
Tale disciplina non si applica a che svolge attività di volontariato in modo occasionale, ma solo a chi l’esercita nell’ambito delle associazioni di volontariato.

Per approfondire l'argomento è possibile scaricare in formato pdf la Circolare n.12 della Fondazione Studi del Consiglio nazionale dei Consulenti del Lavoro.


Vai all'elenco completo

PROMOTORI

Gli uffici Aifos Protezione Civile 
rimarranno chiusi
da lunedì 7 a venerdì 25 agosto

Powered by Pigreco ver. 4.412